9 aprile   2002  Nasdaq composite  ore 18,01
1.746

Conferma del  trend primario ribassista 

Le figure ribassiste di medio periodo che evidenziammo tra gennaio e febbraio, su molte societÓ quotate sul Nasdaq 500,sono di nuovo state confermate , come avete potuto vedere tra il 21 e il  22 marzo.

Resistenze non oltrepassate nonostante dati buoni,  preannunciano presto rotture di livelli al ribasso ".

Niente di strano quindi e mai come adesso prevedibile quello che stiamo vedendo sul maggiore indice tecnologico del mondo .

Non ci stancheremo di dire che il
trend di medio/lungo periodo rimane ribassista .

Quando un trend principale Ŕ ribassista non Ŕ buona cosa , su ogni debolezza acquistare.

Sarebbe una scommessa su supporti non testati per fare il gioco dei "forti" che sui massimi vendono ancora regolarmente allo scoperto quando l'ultimo arrivato entra.

Anticipare il mercato , non soltanto comporta una scelta irrazionale ed impulsiva, ma Ŕ la prima goccia per entrare in un'ottica di azzardo che Ŕ l'unica vera ragione per la quale il 90% dei daytraders , sono stati messi a tappeto in questi ultimi due anni.


I problemi fondamentali che i grafici evidenziano dall'inizio dell'anno sono  gli stessi:

Una ripresa forte a breve giÓ scontata dai prezzi .

Una ripresa ipotizzata essenzialmente su una diminuzione delle scorte e non su una ripresa degli investimenti aziendali.

Una aumento probabile dell'inflazione dovuta al petrolio, che potrebbe richiedere a breve un rialzo energico dei tassi.

Dati societari poco trasparenti (periodicamente  la Sec, organo di controllo americano tipo Consob, da alcune settimane, mette sotto sequestro dati contabili di nuove societÓ, mentre i problemi riguardanti il caso Enron continuano a pesare su molti istituti bancari di tutto il mondo).

Grossi indebitamenti  societari ancora celati.

Una crisi argentina e mediorientale che viene ricordata soltanto con fatti eclatanti, ma che pesa sull'economia mondiale da molti mesi e peserÓ sulle banche d'investimento , quando sarÓ tolto "il velo".

Riassumendo per movimenti di brevissimo monitorare range 1.770 - 1.813.
Per quelli di medio-lungo attendere tenuta 1.696 con stop  sotto 1.690 o attendere un  sano  pullback rialzista sopra 2.105 o quantomeno sopra 1.960.

Resistenze prossime  1.813 , 1.860 , 1.910, 1.960,  2.105.
Supporti statici testati nessuno.

Nicola Pistoresi

Traderonline.it


Grafico                             HOME PAGE