La storia delle Japanese Candlestick.

L'ideatore fu il giapponese Sokiu , Munehisa Honma nato nel 1724.
Erano utilizzate a quel tempo, per rappresentare l'andamento del prezzo delle contrattazioni del riso.
Grazie a questa metodologia simbolica da lui messa in atto proprio nella borsa del riso di Sakata, e ai risultati conseguiti divenne famosissimo trader e consulente finanziario del governo giapponese e gli fu dato il titolo di Samurai.

Morì a Edo nel 1803 (odierna Tokio) , dove fondò un impero finanziario .

Da allora la metodologia candlestick è  praticata dalla massa degli operatori finanziari del mondo ed è quella in grado di dare maggiori segnali operativi .
Ogni figura, formazione candlestick rappresenta la psicologia del mercato in un determinato istante e il fatto che il comportamento umano tenda a ripetersi di fronte a identiche , analoghe situazioni rende lo studio delle candele giapponesi una disciplina che aiuta ad anticipare notevolmente i movimenti del mercato.

La diffusione nei in Europa la si deve a
Steve Nison , che noi spesso citeremo, primo e unico al momento , in grado di avere offerto al mondo occidentale la traduzione più autentica di questa disciplina .

Quello che noi scriviamo in tema di candlestick, ha come fonte proprio  il testo originale  di Nison  "Japanese Candlestick Charting Techniques" del 1991, con nostre personali visioni e commenti , arricchite dalla pratica sui mercati del terzo millennio.


Rispetto ai normali grafici a barre, permettono di avere maggiori informazioni.

Gli elementi costitutivi sono quattro: prezzo di apertura , massimo raggiunto dal prezzo ,minimo e  prezzo di chiusura della seduta.

Si viene cos' a formare un cosiddetto
"real body" (corpo della candela), che rappresenta il percorso del prezzo tra l'apertura e la chiusura della seduta e  due "shadows"(le due stanghette, le cosiddette ombre in italiano) una   sopra e una  sotto il real body stesso che rappresentano i picchi di massimo e di minimo del prezzo durante la seduta.
(upper shadow sopra e lower shadow sotto ).

WWW.TRADERONLINE.IT
Nei grafici in bianco e nero , il real body è vuoto (bianco) quando tra l'apertura e la chiusura il prezzo ha subito un rialzo (apertura in basso e chiusura sopra).
Nei grafici a colori la candela vuota (bianca) viene colorata di verde.

Se invece il prezzo è sceso (apertura più in alto rispetto alla chiusura) il real body viene nei grafici in bianco e nero colorato di nero e in quelli a colori di rosso.



Le stanghette (shadows) indicano il massimo e il minimo raggiunto nella seduta .
 
La frazione che una candela rappresenta può essere di un giorno(daily), di un periodo superiore, oppure di una frazione di tempo all'interno della giornata (ad es. 5 minuti, 30 minuti, 1 ora).
Ad oggi rimane la tecnica più utilizzata dagli operatori di mercato per leggere i grafici con immediatezza, con più facilità , avendo maggiori segnali in tema di trend,volatilità , supporti ,resistenze, segnali d'inversione.


www.traderonline.it
nato nel 1998 come studio di ricerca e analisi grafica con japanese candlestick, vi aiuterà e guiderà nei primi passi, per cominciare a leggere ed interpretare i grafici di borsa a candele giapponesi, elencandovi le figure singole e  i patterns complessi  più significativi e il loro significato.
 


Nicola Pistoresi
Nicola

Home page